Scopriamo perché l’assistente di volo della Philippine Airlines continuava ad allattare il bambino

Alla fine del mese scorso, Patricia Organo, una ragazza di 24 anni,

stava lavorando su un volo della Philippine Airlines quando un piccolo passeggero neonato ha iniziato a piangere.

Scopriamo perché l'assistente di volo della Philippine Airlines continuava ad allattare il bambino

“Tutto stava procedendo senza problemi finché, dopo il decollo, ho sentito il pianto di un neonato. Un pianto che ti fa desiderare di fare qualsiasi cosa per aiutare”, spiega Organo.

“Mi sono avvicinata alla madre e le ho chiesto come stesse… Lei mi ha dato la notizia mentre piangeva, dicendo che era senza latte in polvere”.

Scopriamo perché l'assistente di volo della Philippine Airlines continuava ad allattare il bambino

Organo, anch’essa una neo-mamma, si è offerta di aiutare in un modo che solo le mamme sanno fare.

Poiché il bambino stava piangendo così forte che gli altri passeggeri si sono voltati a guardare la passeggera e il suo bambino.

La madre ha accettato con gratitudine e ha seguito gli assistenti di volo nella zona di servizio, dove Organo ha allattato il bambino della donna.

Scopriamo perché l'assistente di volo della Philippine Airlines continuava ad allattare il bambino

“Potevo vedere il sollievo negli occhi della madre”, scrive Organo.

“Ho continuato a nutrire il bambino finché non si è addormentato, poi l’ho scortato al suo posto e poco prima di andarmene, la madre mi ha ringraziato sinceramente.”

Non solo Organo era felice di aiutare uno sconosciuto in difficoltà, ma il suo gesto compassionevole le ha anche valso una promozione con la compagnia aerea.

Vota l'articolo
( No ratings yet )
Aggiungi commenti

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!:

Scopriamo perché l’assistente di volo della Philippine Airlines continuava ad allattare il bambino
La mamma frequentava l’università per aiutare con il bambino e tutti sono rimasti stupiti nel scoprire questo