“Umiliante”: Suki Waterhouse si apre sinceramente sul “quarto trimestre”

Suki Waterhouse ha ricevuto elogi per la sua sincera rappresentazione dell’esperienza post partum, spesso definita come il ”quarto trimestre”.

Dopo la nascita del suo primo figlio con il compagno Robert Pattinson, Waterhouse ha condiviso una prospettiva cruda e non filtrata sulle sfide e le gioie di questo periodo.

"Umiliante": Suki Waterhouse si apre sinceramente sul "quarto trimestre"

In un post su Instagram, la modella ha descritto il quarto trimestre come “umiliante”,

mettendo in luce la montagna russa emotiva della maternità, tra intensa gioia, lacrime e fluttuazioni ormonali.

"Umiliante": Suki Waterhouse si apre sinceramente sul "quarto trimestre"

Ha espresso orgoglio per i successi del suo corpo e per la compassione verso se stessa dimostrata durante il suo recupero.

La sua franchezza ha fatto eco in molti online, che l’hanno ringraziata per aver gettato luce sulle realtà della vita post partum.

"Umiliante": Suki Waterhouse si apre sinceramente sul "quarto trimestre"

Gli utenti dei social media l’hanno lodata per aver mostrato il lato poco glamour della gravidanza e del parto, applaudendola per non conformarsi agli irrealistici standard di bellezza spesso ritratti nei media.

Il percorso di Suki Waterhouse verso la maternità è stato seguito da vicino dai fan, con l’annuncio della gravidanza al Corona Capital Festival che ha aggiunto eccitazione.

"Umiliante": Suki Waterhouse si apre sinceramente sul "quarto trimestre"

Nonostante la loro natura privata, la relazione tra Waterhouse e Pattinson è stata solida dal 2018,

con Suki che ha espresso la sua felicità e sorpresa per la loro duratura connessione in una rara intervista.

Vota l'articolo
( No ratings yet )
Aggiungi commenti

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!:

“Umiliante”: Suki Waterhouse si apre sinceramente sul “quarto trimestre”
Quando una madre ha filmato suo figlio con la sindrome di Down mentre cantava, non avrebbe potuto immaginare quel tipo di reazione