Rin Kambe, la Rapunzel giapponese: ha deciso di usarli come “arma di espressione personale”

Rin Kambe, 35 anni, ha acquisito il soprannome di “Rapunzel del Giappone” poiché non si taglia i capelli da quasi 163 cm da 15 anni.

Rin non ha mai avuto l’opportunità di far crescere i capelli lunghi perché faceva parte della squadra di calcio femminile ed era di Tokyo.

Quando Rin ha iniziato a ballare all’età di 12 anni, ha deciso di gestire i suoi capelli da sola e usarli come “arma di espressione personale”.

Quindici anni dopo l’ultimo taglio, i suoi capelli sono lunghi 177,8 cm (5 piedi e 10 pollici), 10,16 cm (4 pollici) più lunghi di Rin stessa.

Rin Kambe, la Rapunzel giapponese: ha deciso di usarli come "arma di espressione personale"

Nonostante i suoi lunghi capelli occasionalmente le ostacolino nelle sue attività quotidiane, come per esempio vestirsi,

la ballerina e modella giapponese crede di incarnare la “bellezza asiatica”. Afferma di adorare i suoi lunghi capelli.

Rin Kambe, la Rapunzel giapponese: ha deciso di usarli come "arma di espressione personale"

La donna giapponese di 35 anni afferma di essere costantemente interrogata sulla reale natura dei suoi capelli.

E che le persone reagiscono in modo diverso. Sono fantastici per alcune persone, ma troppo lunghi per altre.

Rin sostiene che, nonostante riceva costantemente commenti negativi sui social media a causa del suo aspetto insolito ha imparato che ognuno ha il diritto alle proprie idee.

Rin Kambe, la Rapunzel giapponese: ha deciso di usarli come "arma di espressione personale"

Nonostante le critiche occasionali, Rin Kambe considera i suoi capelli come un “oggetto di bellezza” e non ha intenzione immediata di tagliarli.

Li usa come “strumento di espressione” e li incorpora persino nelle sue performance di danza.

Vota l'articolo
( No ratings yet )
Aggiungi commenti

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!:

Rin Kambe, la Rapunzel giapponese: ha deciso di usarli come “arma di espressione personale”
La toccante interpretazione di uno studente di sesta elementare del successo di Lady Gaga ‘Paparazzi’ ha stupito tutti