Questo tifoso ha portato un coccodrillo con sé allo stadio: quello che è successo dopo è incredibile

Solo in America un uomo cercherebbe di entrare in uno stadio di baseball con il suo alligatore da supporto emotivo.

Joie Henney e WallyGator, il suo animale da supporto emotivo, sono stati fermati all’ingresso del Citizens Bank Park mercoledì.

Questo tifoso ha portato un coccodrillo con sé allo stadio: quello che è successo dopo è incredibile

Perché l’alligatore non rispettava le regole degli animali da supporto dello stadio.

Come accade tra un essere umano e il suo animale da supporto emotivo, Henney e Wally si trovano bene insieme.

Questo tifoso ha portato un coccodrillo con sé allo stadio: quello che è successo dopo è incredibile

Quando Wally, un alligatore di 14 mesi, è stato adottato da questo uomo della Pennsylvania,

un soccorritore di rettili, dalla Florida, si è reso presto conto che l’animale gli dava una sensazione di calma.

Henney ha quindi deciso di registrare Wally come suo animale da supporto emotivo a causa del comportamento tranquillo dell’alligatore.

Questo tifoso ha portato un coccodrillo con sé allo stadio: quello che è successo dopo è incredibile

”Odio prendere farmaci, e il mio medico voleva prescrivermi un antidepressivo.

Tutto andava bene quando ero in compagnia di Wally, ma quando tornavo a casa’, ha detto Henney.

”Il mio medico era a conoscenza di Wally e pensava che fosse efficace, quindi perché no?”

Oltre a sostenere il suo proprietario nella lotta contro il cancro e la depressione, Wally visita ospedali, scuole e stazioni di polizia.

Inoltre, è molto attivo sui social media, dimostrando che gli alligatori potrebbero non essere così spaventosi come sembrano.

Vota l'articolo
( No ratings yet )
Aggiungi commenti

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!:

Questo tifoso ha portato un coccodrillo con sé allo stadio: quello che è successo dopo è incredibile
Vediamo come appare e vive una ragazza di 17 anni affetta da una malattia rara